POLITICA

Feb 23, 2020, 20:44
Vota questo articolo
(0 Voti)

ERA ORA….CI VOLEVA!!!

16 Agosto 2009

Il 13 sera presso la “ruga croce del mulino”, è stato organizzato un incontro culinar-ricreativo a cui hanno partecipato quasi tutti i residenti. La serata è stata, a dir poco, magnifica e si è protratta fino a tarda ora. L’idea è nata dal desiderio di incontrarci tutti in armonia e trascorrere qualche ora in allegria con parenti ed amici che normalmente risiedono fuori per motivi di lavoro ma che ritornato, puntualmente ogni anno al paese in occasione delle ferie.

Era un insieme di colori, festoni, palloncini, fornelloni accuditi dall’esperta Sina Trunzo, casseruole e barbicue, forniti dai fratelli Vitaliano e Luigi Trunzo ed assistiti con estrema dovizia da Antonio Bennardo e Rosario Pucci che, stracolmi di carne e salsicce fresche, emanavano un gradevole odorino che faceva presagire quanto, a cottura avvenuta, sarebbe dovuto succedere: un assalto a suon di forchette. Facevan bella mostra due tavolate imbandite di polpette, frittate, peperoni, patate, funghi porcini dei nostri boschi, raccolti dall’esperta del settore: Rosarina Trunzo, affettati vari, formaggi ecc. Occorreva solo che quanto preparato venisse divorato, come del resto puntualmente è accaduto. Tutto è avvenuto come era stato previsto dai bravi organizzatori Agostino Castagnaro e Pasquale Isabella.
I partecipanti, una variegata rappresentanza di specie umane: donne, uomini. bambini, giovani, meno giovani ed anziani, si sono cimentati, oltre che a dare dimostrazione di essere buone forchette, addirittura di essere provetti cantanti, essendosi esibiti più volte con grande disinvoltura e, quasi sempre bravura, al karaoke, allestito e diretto magistralmente dal maestro Rosario Pugliano. Quasi tutti quella sera si sentivano cantanti: quel serione di Antonio Pasqua ha spesso allietato la serata con canti sentimentali e strappalacrime, complimenti, erano ottimamente interpretati! Franco Marotta ci provava ma, era evidente, che se la cavava molto meglio come oste. Franco Costanzo addirittura, dopo aver abbondantemente mangiato e bevuto, si scaricava con rabbia al microfono interpretando “ricominciamo” di Pappalardiana memoria. Anche gli interventi dei ragazzini sono stati fantastici.
All’improvviso l’attenzione di tutti i presenti è stata attratta dal suono di un organetto, era Fiorenzo Bennardo che con la sua fugace apparizione aveva voluto contribuire ad allietare i presenti. Ci è riuscito in pieno anche se per poco tempo, evidentemente era tardi e doveva andare a dormire! Dopo aver dimostrato di gradire molto la buona cucina, un nutrito gruppo di giovani si è dedicato al ballo, cercando di coinvolgere quanti inizialmente sembravano restii a farlo. Quelli come me, non più ragazzini e nemmeno tanto giovani, comodamente seduti, davano luogo alla rievocazione di vecchi ricordi legati a fatti del paese. E’ stata, a dir poco, una serata meravigliosa, indimenticabile, gradita da tutti che, certamente non si fermerà al 13 agosto 2009, ma sicuramente segnerà l’inizio di altre serate analoghe, se non addirittura migliori, che negli anni avvenire verranno ripetuti.

Buone vacanze a tutti e buon rientro ai nostri amici che rientreranno al lavoro!

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.