ATTUALITA'

Jan 21, 2020, 7:27
Bronzi di Riace, attivisti calabresi e lombardi a Reggio  inscenano il rapimento e funerale simbolico delle statue
Vota questo articolo
(0 Voti)

Bronzi di Riace, attivisti calabresi e lombardi a Reggio inscenano il rapimento e funerale simbolico delle statue

25 Settembre 2014

Tre giovani del gruppo culturale "Il talebano" tra cui un consigliere di zona di Milano hanno inscenato un falso rapimento e un finto funerale dei Bronzi di Riace alle porte del museo Nazionale. Obiettivo sostenere la tesi di Sgarbi sullo spostamento delle statue all'Expo

REGGIO CALABRIA - Dopo la provocatoria dichiarazione di Vittorio Sgarbi che per in polemica con la responsabile del padiglione Italia Diana Bracco aveva annunciato di rinunciare ai Bronzi di Riace i due guerrieri e il loro possibile spostamento all'Expo tornano di attualità con una surreale iniziativa di un gruppo di giovani calabresi appartenenti al circolo culturale "Il talebano".

r-BRONZI-403xFBcreditAncora non si conosce l'esito della valutazione della commissione del ministero che dovrà decidere se disporre o meno lo spostamento a Milano ma a quanto pare il gruppo di giovani del circolo culturale "Il talebano" non hanno intenzione di attendere oltre e così si sono presentati al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria per tentare il rapimento simbolico dei Bronzi di Riace. 

A dare notizia dell'iniziativa è stato l'ufficio stampa di Vittorio Sgarbi. Stando a quanto si è appreso il gruppo era guidato da Vincenzo Sofo, presidente del circolo e leghista di origine calabrese, eletto in Consiglio di Zona 6 a Milano con lo slogan "Diversamente Padano". Sofo ha spiegato che il gruppo «vuole esprimere solidarietà a Vittorio Sgarbi per la sua battaglia per una concreta valorizzazione dei Bronzi all’Expo di Milano». Definendo "miopi e campanilisti" i politici calabresi il gruppo rimarca l'opportunità di dare maggiore visibilità ai due guerrieri attraverso il loro posizionamento temporaneo al padiglione Italia e nello specifico il promotore del circolo culturale per la Calabria, Enzo Platani, ha aggiunto che «i politici calabresi ci devono spiegare come pensano di valorizzare a livello turistico il nostro territorio, quando per decenni ci hanno tagliato fuori dal mondo privandoci di collegamenti e infrastrutture ricettive adeguate. Pochissimi oggi conoscono le bellezze della Calabria, portare i Bronzi all’Expo è un’occasione imperdibile per pubblicizzarci davanti a milioni di turisti. Dunque avanti Sgarbi, i calabresi buoni sono con te».

Dopo il rapimento simbolico delle statue i tre giovani hanno anche messo in scena una sorta di funerale delle statue con una bara di legno in mezzo a delle copie dei Bronzi. «Abbiamo celebrato - ha concluso Sofo - il funerale simbolico dei Bronzi, bloccati a Reggio Calabria dallo sguardo miope di chi è incapace di superare i vecchi campanilismi».

Informazioni aggiuntive

  • fonte: Quotidiano della Calabria.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Articoli correlati (da tag)