POLITICA

Oct 18, 2018, 21:50
SOTTO IL SEGNO DELLA CULTURA
Vota questo articolo
(0 Voti)

SOTTO IL SEGNO DELLA CULTURA

28 Febbraio 2014

Le iniziative culturali svolte in questi anni si inquadrano nell’ambito del progetto complessivo di sviluppo della Giunta guidata da Giuseppe Scopelliti. Il tema della cultura è trasversale a tutti gli altri settori per promuovere crescita economica, favorire la consapevole partecipazione democratica, contrastare la malapianta della ‘ndrangheta, attenuare il disagio sociale, integrare gli immigrati.
Il 2013 è stato un anno importante per la Calabria, che si sta trasformando da terra che consuma e importa cultura in terra che produce ed esporta cultura.
La nostra regione, grazie al lavoro istituzionale avviato dal 2010, sta cambiando profondamente attraverso cultura e scuola. Gli esiti positivi saranno ancora più evidenti nei prossimi anni.
Nell’anno appena trascorso, più volte il faro della cultura nazionale e internazionale ha illuminato positivamente la nostra regione. 

 

BENI CULTURALI

  • Il 2013 si è concluso con un risultato significativo: la riapertura, con un'ulteriore azione incisiva della Regione, della sala dei Bronzi di Riace nel Museo nazionale della "Magna Grecia" di Reggio Calabria. In poche settimane ci sono stati già ventimila visitatori. Con l’allestimento di tutte le sale, previsto per la primavera del 2014, c’è la possibilità di ricevere a Reggio fino a 300 mila visitatori all'anno. Il Ministro della pubblica istruzione ha invitato tutte le scuole italiane a visitare i Bronzi.

  • Banditi 18 milioni di euro - messi a disposizione dalla Regione e gestiti dalla Direzione Regionale dei Beni Culturali - per il ripristino e la valorizzazione del Parco archeologico di Sibari, sommerso a gennaio 2013 dall'acqua. Prevista per marzo 2014 l'assegnazione dei lavori, con la rapida apertura dei cantieri.

  • Sottoscritto il 6 marzo 2013, con il Ministro Ornaghi un Accordo per la valorizzazione primo caso in Italia in attuazione del Codice dei Beni Culturali.

  • Completato il Piano Regionale dei Beni culturali. Previsti 74 interventi per un valore di € 45 milioni, rappresentando il più imponente ed organico intervento mai realizzato nel settore. Stanno per partire i cantieri delle opere pubbliche. Si stimano in 1.000 nuovi posti di lavoro, direttamente e indirettamente, nel settore dell'edilizia specializzata per realizzare gli interventi nei beni culturali. Gli investimenti sono stati concentrati su due aree ad alta densità criminale: il percorso produttivoborbonicodelleserrevibonesi eildistrettoculturaledellaLocride.

  • Recupero della memoria storica e cultura dell'identità. Inaugurato, dopo 38 anni di lavoro e 140 dalla chiusura, il Museo delle Reali Ferriere Borboniche di Mongiana, il simbolo di quello che il Sud poteva essere e non è stato: un luogo di lavoro e non di assistenza. Attraverso la Fondazione "Napoli Novantanove" abbiamo promosso una serie di iniziative, sperimentando in Calabria "il mal di Napoli" e a Napoli "il mal di Calabria". Sul ruolo centrale del pensiero umanistico, abbiamo onorato uno dei più grandi intellettuali meridionali apprezzato nel mondo, il fondatore e Presidente dell'Istituto Italiano degli Studi Filosofici, Gerardo Marotta che ha incontrato gli studenti nei tre licei classici di Reggio Calabria, Catanzaro e Cosenza, che gli hanno reso visita a Napoli nel febbraio 2014.

  • Coinvolto il critico d’arte Vittorio Sgarbi che ha visitato per noi tanti centri, da Taverna a Morano Calabro, da Altomonte a Lungro, da Nocera Terinese a Curinga, da Filadelfia a Umbriatico, da Verzino a Rossano, da Locri a Gerace, da Castellace a Catanzaro, da Vibo a Roseto Capo Spulico.

  • Avviato un accordo di Rete per mettere insieme pubblico, privato e volontariato al fine di valorizzare i beni culturali della regione. Bando di 8 milioni per la valorizzazione dei beni culturali, riservato a privati per valorizzare e gestire i siti finanziati dalla Regione. È la prima volta che questo succede in Calabria. In questo modo, sarà possibile, con il concorso della nuova imprenditoria sostenuta nel bando, attivare il biglietto unico per la rete dei musei calabresi ed altri servizi integrati finalizzati ad ampliare l’offerta culturale sul territorio.

 

CULTURA

  • Organizzate manifestazioni per i 400 anni della nascita del grande pittore caravaggesco Mattia Preti. Promosse mostre di grande valore: da Williamsburg negli Stati Uniti (curata da John Spike con 40 mila visitatori) a Taverna (città natale dell'artista, dove in pieno inverno ci sono stati 17 mila visitatori paganti: mai visto in Calabria), da Malta (al Palazzo del Gran Maestro a La Valletta con 42 mila visitatori) alla Reggia di Venaria Reale (con 50 mila visitatori e dove è stata esposta anche la prima opera conosciuta di Caravaggio: "Il riposo durante la fuga in Egitto"). L'anno pretiano si è concluso con l'esposizione a Milano presso il Museo Diocesano del Sant'Ambrogio di Mattia Preti, adottato - per volere del Cardinale Angelo Scola - come immagine ufficiale delle celebrazioni ambrosiane del 2013 (6 mila i visitatori al Museo Diocesano in venti giorni). Nel 2013 il numero complessivo dei visitatori delle mostre alle iniziative su Mattia Preti si collocano tra le prime dieci d’Italia. Nel 2014 sono previste altre prestigiose iniziative a Roma, Taverna, Cosenza, Crotone, Tropea, Caulonia e Reggio Calabria.

  • Al Salone del Libro di Torino 2013 la Calabria è stata la prima Regione "ospite d'onore", per i risultati importanti ottenuti grazie all’aumento del numero dei lettori. La manifestazione è stata inaugurata presso la Reggia di Venaria Reale dalla mostra "Il Cavalier Calabrese Mattia Preti. Tra Caravaggio e Luca Giordano", a cura di Vittorio Sgarbi. La nostra presenza, sottolineata con oltre mille studenti venuti dalla Calabria, è stata l'occasione per mettere in mostra non solo i nostri autori, editori, premi letterari ma anche la grande storia della nostra Regione: dagli ori e argenti di Gerardo Sacco al primo libro al mondo stampato in caratteri ebraici (dato a Reggio Calabria nel 1475, il "Pentateuco", detto la "Bibbia" di Reggio Calabria), dal Codice Romano Carratelli, all'opera originale di Mattia Preti "Noli me tangere", dalle ceramiche di Seminara al più antico statuto sulla lana d'Italia (quello di Catanzaro). Nei cinque giorni della manifestazione promossi 124 eventi. Tra gli ospiti Vittorio Sgarbi, Giordano Bruno Guerri, Pietrangelo Buttafuoco, Paolo Mieli, Giuseppe Roma, Nicola Gratteri, Marina Valensise, Piergiorgio Odifreddi, Cesare De Michelis, Nunzio Galatino, Roberto Giacobbo, Pino Aprile, Gerardo Sacco, Carmine Abate, Mimmo Gangemi, Angela Bubba, Eugenio Bennato. Lo stand è stato anche visitato dai Ministri Massimo Bray, Cecile Kyenge e Dario Franceschini, oltre che dal Vice Presidente della Commissione Europea Antonio Tajani. Il “Salone del Libro” di Torino ci vedrà presenti da protagonisti anche nel 2014, confermando i progressi che sono stati raggiunti nel settore: l'Istat ha recentemente certificato come la Calabria non è più l'ultima regione d'Italia per numero di lettori avendo superato le principali regioni del Mezzogiorno, quali la Campania e la Sicilia; inoltre siamo la terza regione d'Italia come utilizzo degli e-book.

  • Avviata l'operazione "Libro per ogni nato": per un anno intero i nuovi nati della Calabria riceveranno un volume pensato appositamente per loro che parla di felicità, poiché in analogia con quella americana, vorremmo che questa pubblicazione fosse la Costituzione dei bambini calabresi.

  • Riconosciuto dall'Unesco il 4 dicembre 2013 a Baku, in Azerbaigian, il primo bene calabrese come patrimonio mondiale dell'umanità: la processione della "Varia" di Palmi, nell'ambito della rete italiana delle macchine a spalla (unitamente ai Candelieri di Sassari, ai Gigli di Nola e alla macchina di Santa Rosa di Viterbo). Determinante è stato il finanziamento biennale della Regione Calabria per lo svolgimento della manifestazione.

  • Attività per presentare la candidatura e fare diventare patrimonio culturale anche le minoranze linguistiche calabresi (arbereshe, grecanica e occitana) che riguardano oltre il 10% dei comuni della regione, che sono state destinatarie di un apposito Piano Integrato di Sviluppo Locale e la cui valorizzazione è stata affidata alle Fondazioni del settore che stanno per diventare pienamente operative. In tale contesto si colloca anche il protocollo d’intesa di collaborazione culturale, scolastica, universitaria e scientifica tra la Regione Calabria e la Repubblica d’Albania, proposto dalla Giunta Regionale, approvato dal Consiglio Regionale e in attesa di essere sottoscritto.

  • Avviate le procedure per fare riconoscere dall'Unesco anche il Codice Romano-Carratelli, una pubblicazione realizzata in copia unica alla fine del Cinquecento su richiesta del Viceré spagnolo del Regno di Napoli Conte di Miranda per illustrare il sistema costiero difensivo della Calabria Ultra, realizzato allo scopo di contrastare le continue invasioni saracene.

  • Sostenuta concretamente la candidatura del Parco della Sila per il Programma MAB-UNESCO e Ministero Beni Culturali in fase di istruzione, unitamente alla proposta di inserire nel Registro “Memorie del Mondo” dell’UNESCO, e già in fase di valutazione a Parigi, il Codex Purpureus Rossanensis, che verrà esposto al Palazzo del Quirinale da metà marzo del 2014.

  • Inseriti i Vattienti di Nocera Terinese e la Settimana Santa di Laino Borgo nella Rete delle Passioni di Cristo in Europa, che si sta candidando per le buone pratiche UNESCO.

  • Sostenute durante tutto il 2013, e in particolare nel periodo estivo, manifestazioni culturali, complessivamente di buon livello e di elevata qualità. 41 iniziative: 6 grandi eventi compresi nella manifestazione Calabria Terre di Festival (“Roccella Jazz”, Peperoncino di Diamante, “Tropea Leggere e scrivere”, “Musica e Muse” di Roccelletta di Borgia, “Festival cinematografico della Calabria”, “Magikro” di Crotone) e 35 eventi storicizzati (tra i quali, “Corigliano Fotografia”, “Varia” di Palmi, “Primavera dei teatri” di Castrovillari, Festival “Leoncavallo” di Montalto Uffugo, Stagione del Politeama di Catanzaro, “Invasioni” di Cosenza, Festival Euromediterraneo di Altomonte, Premio letterario “Caccuri”, “Tarantella Power” di Badolato, “Caulonia Tarantella Festival”). Le innovazioni ci sono state anche in questo settore, attraverso la stabilizzazione finanziamenti in modo biennale o triennale (Magna Grecia Teatro Festival, Grandi Eventi, Eventi storicizzati, arte contemporanea, Residenze Teatrali) e con calendari unici (allestimento del sito eventi, conoscenzacalabria.it con presentazioni nel 2014 alla Borsa Italiana del Turismo a Milano e al Salone del Libro di Torino). Se noi conoscessimo la quantità e la qualità degli eventi culturali che ogni giorno si svolgono in Calabria, cambierebbe prima di tutto l'opinione che noi stessi abbiamo della Calabria e di conseguenza quella di tutti gli altri.

  • Realizzati i 7 interventi previsti nel piano dell'Arte contemporanea, che con € 3.500.000 è l’investimento pubblico nel settore più consistente d’Italia. Si sono realizzate le mostre su “Angelo Savelli. Maestro del Bianco” (Provincia di Catanzaro) , “Viva Performing Lab” (Comune di Cosenza), “Confini” (Fondazione Horcynus Orca), “Arte InProgress. Cantieri del Contemporaneo” (Provincia di Cosenza), “Lo sguardo espanso” (Comune di Catanzaro), “Macart CalabriaProject 2012” (Comune di Acri), “Via Artis. Sulle rotte del Mediterraneo” (Accademia delle Belle arti di Reggio Calabria) con oltre 60 mila visitatori complessivi.

  • Nona edizione del "Magna Grecia Teatro Festival", la terza con la direzione artistica di Giorgio Albertazzi, realizzando numeri da record con oltre 18 mila spettatori paganti (e altre migliaia di non paganti: studenti e anziani, per lo più).

  • Sostenuta la candidatura di "Reggio Calabria capitale europea della cultura". La città è stata una delle 21 città italiane ammessa il 24 novembre 2013 a presentare la candidatura davanti alla Commissione dell'Unione Europea.

  • Ribadita l’importanza della cultura calabrese. In ogni comune ci sono storie da raccontare: dall'inventore del calendario perfetto Aloysius Lilius di Cirò al combattente per i martiri di Otranto Nicolò Picardo di Paola. Abbiamo sostenuto la candidatura a Premio Nobel per la letteratura dello scrittore Dante Maffia nato a Roseto Capo Spulico, riscoperto e rilanciato la Chanson d'Aspremont probabilmente del XII secolo , rivalutate le tradizioni religiose come lo scioglimento del sangue di San Pantaleo a Montauro e le ipotetiche origini calabresi di San Gennaro a Caroniti di Ioppolo in provincia di Vibo Valentia (che si affiancano ad “Aurea”, la Borsa internazionale del turismo religioso che si svolge a Paola), ricordato il miracolo di Soriano, rinnovate le radici ebraiche della Calabria con la celebrazione a Cosenza dopo 500 anni dell’Hanukkah o Festa delle luci, la rivalutazione degli autori meridionali sottovalutati nei programmi scolastici dei licei sollecitando a riguardo il Ministro della Pubblica Istruzione. 

 

SCUOLA

Compiuti passi avanti importanti sulla scuola. Basti un solo dato: in base alle prove dell'INVALSI, l'istituto che valuta la preparazione degli studenti italiani, nel 2009 le prestazioni scolastiche degli studenti calabresi era mediamente il 10 per cento in meno rispetto al resto d'Italia, nel 2013 sono sostanzialmente simili a quelle del resto del Paese. Il Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri Leonardo Gallitelli, nel settembre scorso a Locri ha indicato come emblema della Calabria che cambia la scuola di San Luca, dove, nel mese di giugno 2013, alla fine di un progetto regionale sulla legalità - ispirato dal giudice Nicola Gratteri e tendente a realizzare il tempo pieno nelle scuole dei comuni ad alta densità criminale - i ragazzi maschi delle scuole medie hanno fatto la fila per dare la mano al Comandante Provinciale dei Carabinieri Lorenzo Falferi. A Vibo Valentia, in occasione dell'inaugurazione di questo anno scolastico, il procuratore della Repubblica Mario Spagnuolo ha affermato che gli esempi maggiori di vitalità e di cambiamento provengono dalla scuola. Il 9 febbraio 2014 Papa Francesco ha salutato la Scuola di San Luca durante l’Angelus e poi ha ricevuto studenti e docenti in udienza privata.

  • Riportati per due anni consecutivi, i progetti scolastici innovativi della Regione Calabria, nel Rapporto del CENSIS sulla situazione sociale del Paese. Nel 2013 è stato studiato il progetto di educazione all'archeologia "Calabria Jones", che ha coinvolto 5 mila studenti delle scuole medie con indubbie ricadute economiche sul territorio: 22 mila pernottamenti, 75 laureati specializzati e ricadute sui trasporti, agenzie di viaggio, ristorazione, editoria. Nel 2012 era stata evidenziata la ricerca sui "Nativi digitali", relativa alla capacità di apprendimento e di selezione delle conoscenze a livello cerebrale da parte delle giovani generazioni.

  • Sostegno all’innovazione educativa. Il 14 marzo 2013 il Ministro della Coesione Territoriale Fabrizio Barca ha promosso l’evento "Succede in Calabria", mettendo in mostra dieci casi esemplari di cambiamento. Tra questi, tre progetti proposti e sviluppati dalla Regione Calabria: "Calabria Jones", "Pitagora Mundus" (progetto di collaborazione alla formazione che vede centinaia di studenti egiziani studiare negli istituti tecnici della Regione) e "Adotta il Drago" (diventato progetto ministeriale e sviluppato da "Calabria Jones" e relativo alla ristrutturazione dei mosaici dell'antica Kaulon).

  • Rinnovata l'offerta formativa. Le iscrizioni negli istituti tecnici e professionali sono aumentate nel 2012 e sono stati recentemente individuati i Licei sportivi, uno per provincia. Per le decisioni politiche nazionali siamo stati costretti anche a dimensionare la rete scolastica, riducendo le reggenze delle autonomie scolastiche da 88 a 38, nell’arco di due anni.

  • Successo per gli Istituti Tecnici Superiori (“Logistica” a Polistena”, “Efficienza energetica e ambiente” a Cosenza e Reggio Calabria, “Tecnologie della vita” a Fuscaldo che sono percorsi di studio alternativi alla laurea e che formano professionalità altamente ricercate dal mercato. Sono state inoltre avviate le procedure per l’istituzione di altri ITS sul “Made in Italy” nella provincia di Crotone e sul “Turismo” nella provincia di Catanzaro).

  • Individuati 11 Poli Tecnico Formativi, che si affiancano agli istituti superiori orientati nel settore strategico del turismo, con annessa filiera dell'agricoltura. Per un impegno economico di €. 13 milioni.

  • Proseguito per il terzo anno consecutivo l'esperimento educativo degli studenti egiziani presso gli istituti tecnici e professionali, il cui percorso formativo, che viene impartito in italiano, ha previsto anche in alcuni casi l'istituzione dell'ora di religione islamica. Le scuole attualmente coinvolte sono il Polo di Cutro-Isola Capo Rizzuto, ITIS di Fuscaldo, Istituto Superiore di Bocchiero, Istituto di Palmi e Serra San Bruno.

  • Ampliata l’azione formativa con altri 40 studenti provenienti dal Kurdistan Iracheno che studieranno presso gli istituti superiori “alberghiero” di Diamante, “agrario” di Scigliano e “del legno” di Sant’Agata d’Esaro.

  • Potenziata l'educazione musicale, con l'istituzione negli anni passati di licei del settore in tutte le provincie (Licei scientifici “Fermi” di Catanzaro, “Filolao” di Crotone, “Volta” di Reggio Calabria, “Valentini” di Castrolibero e “Berto” di Vibo Valentia), sottolineandone l'importanza con l'inaugurazione del presente anno scolastico presso il Liceo Musicale di Vibo Valentia. Sviluppato nel 2013 e nel 2014 un’azione di educazione alla legalità attraverso l’Orchestra giovanile dei Fiati di Delianuova coinvolgendo le scuole di Guardavalle, Strongoli, Sinopoli, Rogliano, Sant’Onofrio, Isola Capo Rizzuto, Amantea, Lamezia Terme, Rosarno e San Costantino Calabro.

  • Avviato il censimento sulle biblioteche scolastiche e sostenuto il Progetto Gutenberg. Fiera del Libro, della musica e della multimedialità, che coinvolge 52 scuole delle cinque province calabresi.

  • Adottati i libri degli autori calabresi come materia di studio nelle scuole. Nel 2012 è stata la volta di Carmine Abate e nel 2013 quella di Mimmo Gangemi.

  • Finanziato il collegamento Wifi delle 110 scuole della locride che ricadono in 18 comuni, da un’idea del precedente Comandante Regionale dei Carabinieri Adelmo Lusi e del Presidente Scopelliti.

  • Realizzato il progetto di alternanza scuola e lavoro tra gli istituti alberghieri e “Assapori”, l'Associazione che raggruppa la gastronomia calabrese di qualità, con gli chef che vanno a insegnare nelle scuole e gli studenti a fare pratica nelle loro cucine. Coinvolte 10 scuole turistiche e alberghiere con 260 studenti e 14 ristoratori di qualità.

  • Allestita la rete delle Web radio e tv scolastiche, una per provincia (presso gli istituti superiori “La cava” di Bovalino, “Fermi” di Catanzaro, “Pertini” di Crotone, “Aletti” di Trebisacce, “Berto” di Vibo) per sperimentare anche queste e tecnologie nell'apprendimento didattico e creare percorsi di e- democracy. Antesignana di queste attività anche la scuola superiore “Leonardo Da Vinci - Nitti” di Cosenza.

  • Premiate per il terzo anno consecutivo le eccellenze scolastiche calabresi, rappresentate da decine e decine di studenti che hanno conquistato riconoscimenti nazionali e internazionali nelle diverse discipline. Ospiti d'onore del 2013 sono stati gli alfieri del lavoro Paolo Paglianiti e Rosa Maria Pellegrini due dei venticinque più brillanti diplomati d'Italia e Marco Mammola il primo europeo vincitore della batteria Europa/Russia/Medio Oriente/Africa della Cisco Academy, tra le più importanti competizioni informatiche del mondo. La manifestazione ha avuto l'adesione del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. In occasione dell'inaugurazione dell'anno scolastico 2013/14 al Quirinale il Presidente della Repubblica ha invitato numerose scuole della regione.

RICERCA E UNIVERSITA’

  • Creata una Rete regionale della ricerca, mettendo insieme con il progetto "CalabriaInnova" (creato dalla Regione insieme ad Area Science Park di Trieste – la più importante società di trasferimento tecnologico del nostro Paese - e Fincalabra), università, imprese, centri di ricerca, soggetti beneficiari dei finanziamenti nazionali e successivamente delle smart cities, oltre a significativi referenti istituzionali pubblici e privati. "CalabriaInnova" con i suoi esperti ha visitato finora circa 400 aziende e ha fornito assistenza a circa 600. Con circa 100 delle aziende visitate si sta lavorando anche alla predisposizione dei piani d’innovazione per le candidature ai bandi che sono stati avviati.

  • Emanati da “CalabriaInnova” bandi per oltre € 14 milioni , riservati a alle piccole e medie imprese, giovani laureati e spin off nelle università. Le assegnazioni verranno ultimate entro il mese di marzo 2014.

  • Bando di € 22.800.000 per le 346 imprese afferenti agli otto poli di innovazione è stato emanato per promuovere innovazioni di processo e di prodotto. I risultati sono previsti per il mese di aprile 2014.

  • Previsti con i bandi di “CalabriaInnova” e dei Poli di Innovazione 500 occupati, quasi tutti laureati, che si sommano agli altri 500 previsti nei 22 progetti che sono stati valutati positivamente dal Ministero della Ricerca con un investimento di fondi nazionali di € 147.000.000. Complessivamente potranno essere 1.000 i giovani laureati impegnati nella ricerca applicata nell’arco dei prossimi due anni e rappresentano un risultato straordinario per la nostra regione.

  • Partecipazione e sostegno a iniziative di innovazione quali Start Cup Calabria 2013 dove sono state presentate 100 idee imprenditoriali da parte dei giovani laureati calabresi, Start up week end Cosenza una competizione internazionale per mettere in contatto professionalità innovative diverse per verificare la fattibilità dell’idea imprenditoriale, Cangiacapu il blog costituito da dottorandi e ricercatori dell’Università della Calabria per produrre creatività e innovazione nella società calabrese, ItaliaCamp il primo centro di contatto tra imprese e giovani imprenditori per sostenere economicamente istituzionalmente i migliori progetti di innovazione sociale. Intervenuti a ottobre 2013 ufficialmente allo SMAU di Milano dove nello stand della Regione Calabria 12 giovani laureati hanno potuto presentare innovative idee di impresa in una delle manifestazioni più significative d’Europa, confrontandosi e competendo con migliaia di altri giovani innovatori.

  • Coinvolta l’Accademia di Gagliato delle Nanoscienze che promuove la manifestazione "Nanogagliato", un'iniziativa di livello scientifico internazionale su iniziativa di Mauro Ferrari uno dei più grandi esperti di biotecnologie mediche. Ogni anno ad agosto i più importanti studiosi di nanoscienze del mondo si ritrovano nel comune di Gagliato, in provincia di Catanzaro, per fare il punto sui progressi degli studi del settore.

  • Costante attenzione alle università calabresi, dove si registrano importanti segnali di cambiamento. L’Università della Calabria è stata considerata dalla ricerca “Censis-La Repubblica” la seconda università italiana tra gli atenei di grandi dimensioni (tra i 20.000 e i 40.000 studenti), l’Università “Magna Grecia” di Catanzaro nella classifica dell’Agenzia Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario e la Ricerca per il 2013 si è collocata al secondo posto in Italia – dopo “Milano Bicocca” - tra le università di piccole dimensioni per la ricerca biomedica, l’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria è al primo posto in graduatoria per il settore di Ingegneria dei trasporti.

  • Assegnate nel 2013 287 borse di studio ai laureati calabresi per percorsi in Italia e all'estero, impegnando € 5 milioni.

  • Stimolato le Università e il Ministero per favorire il rientro dei cervelli. Va rilevato il ritorno di Sandra Savaglio, l’astrofisica attualmente al Max Plank Institute di Monaco di Baviera, come professore ordinario presso l'Università della Calabria.

  • Incontri costanti per favorire e promuovere la collaborazione tra gli Atenei calabresi, che è sempre più indispensabile sia per rafforzare il sistema universitario, sia per iscrivere più diplomati calabresi che altrimenti scelgono di studiare fuori regione, sia per ridurre l’abbandono scolastico universitario e sia attrarre nei nostri atenei gli studenti dei Paesi del bacino del Mediterraneo.

  • Convocato il 15 Aprile 2013 il primo incontro dei Senati Accademici congiunti delle tre Università calabresi per garantire una programmazione integrata e di qualità.

  • Pubblicata una ricerca della Fondazione Agnelli sulle scelte universitarie dei diplomati calabresi e i bilanci economici degli atenei della regione, che rappresenta uno dei primi tentativi di analizzare il settore per avviare un ampio dibattito sul fondamentale ruolo degli atenei nella nostra regione.

  • Attenuta la certificazione della lingua italiana da parte dell'Università per Stranieri di Reggio Calabria, in base ad un protocollo approvato dalla Giunta regionale con la Società Dante Alighieri.

DIGITALIZZAZIONE

Così come previsto dal programma europeo Horizon2020, particolare attenzione alla digitalizzazione dei beni e delle attività culturali. Abbiamo promosso e sostenuto quattro siti internet e due app. I siti sono: biblioteche (dopo due anni e mezzo di funzionamento, ha superato i 2.500.000 di visite), cartellone unico degli eventi (in un anno 132.000 visite), conoscenzacalabria (in un anno 585.000 visite), atlante dei beni culturali (in un anno 395.000 visite). Le applicazioni riguardano sia l’individuazione dei beni culturali (in un anno 980) che lo scarico degli e-book (in quattro mesi 3.200).

FONDI EUROPEI

FSE: nel 2013 impegnati € 10.700.000, che comportano una certificazione complessiva – a partire dall’aprile 2010 – pari a € 124.756.000, superiore di oltre € 13 milioni del target prefissato dalla Commissione Europea. FESR: impegnati nel 2013 per € 45 milioni, che comportano un impegno complessivo - a partire dall’aprile 2010 fino al 31 dicembre 2013 - pari a € 291 milioni, attraverso l’emanazione di 23 bandi: uno ogni 58 giorni. I beneficiari individuati sono stati 2.729.

 

PROGRAMMAZIONE 2014-2020

Alcune ipotesi di intervento:

  • scuola : dare stabilità per tutta la durata del periodo ai progetti di educazione all'archeologia “Calabria Jones”, “Una scuola per la legalità” relativo al tempo pieno nei comuni ad alta densità criminale, “Aumento delle abilità di base” a cominciare dalla lettura, il tutto anche per prevenire e ridurre la dispersione scolastica; assistere nella realizzazione e completare gli interventi sulla sicurezza degli edifici scolastici; attenzione particolare agli alunni con disabilità e disturbi dell’apprendimento anche con azioni rivolte alle famiglie; cooperazione formativa con i Paesi di Mediterraneo; incremento rapporto scuola e lavoro; potenziare educazione musicale, educazione fisica e storia dell’arte; utilizzo dei beni confiscati alla criminalità per usi scolastici e culturali; internazionalizzazione dei percorsi di studio delle scuole superiori; investire in istruzione per ridurre il costo del sistema sanitario, soprattutto attraverso al diffusione della dieta mediterranea e di corretti stili di vita (sport, informazioni sul fumo e sulle droghe).

 

  • beni culturali: valorizzazione dei beni culturali (a cominciare dai Bronzi e dall’area archeologica di Sibari, i due maggiori attrattori), anche attraverso la digitalizzazione e il pieno coinvolgimento di privati e cooperative; diventare area di studio mediterraneo ed europeo sulle aree archeologiche e la Magna Grecia; valorizzare i percorsi di turismo religioso; completare l’esperienza del Piano Integrato Strategico “O.R.E.S.T.E.” che valorizza i principali borghi culturali calabresi attraverso il sostegno ai privati, la formazione e la comunicazione; creazione rete integrata dei musei.

  • cultura: potenziamento della lettura e delle biblioteche; stabilizzazione dei finanziamenti, programmazione unica e integrata per gli eventi culturali; applicare ed esaltare i concetti dell’economia della cultura, per produrre reddito e contrastare la criminalità organizzata; promuovere la produzione e l’esportazione delle attività culturali regionali; estendere la positiva esperienza delle residenze teatrali anche alla poesia, alla danza, all’arte ed altre espressioni culturali; digitalizzazione delle sale cinematografiche; realizzazione di cineporti come luoghi di produzione e promozione dei prodotti cinematografici ed audiovisivi.

  • ricerca: realizzare una forte governance interassessorile (cultura, società dell’informazione, innovazione, urbanistica, attività produttive, ecc.) e interistituzionale (Regione, Università, Ministero, Associazioni Imprenditoriali e Sindacali); valorizzazione delle reali potenzialità esistenti; fare emergere la creatività dei giovani laureati e laureandi; diventare punto di attrazione del settore per il bacino del Mediterraneo; intervenire nelle aree strategiche dello sviluppo: turismo, beni culturali, agroalimentare e logistica; potenziare l’integrazione e la qualità dell’offerta universitaria regionale; internazionalizzazione dei percorsi formativi dei laureati; potenziamento dell’alta formazione artistica e musicale; finanziamenti di ricercatori a tempo determinato; tirociniformativi, alternanza e apprendistato universitario presso le aziende regionali italiane ed estere; valorizzare le potenzialità della green economy.

 

FORME ALTERNATIVE DI FINANZIAMENTO

Allo studio forme alternative di finanziamento per le iniziative culturali, attraverso la promozione della Carta di credito della cultura, un fondo di finanziamento per il settore alimentato da risorse private tramite l’emissione di carte di credito con il marchio “Cultura Calabria”. Al vaglio, insieme a Fincalabra, il progetto “Sostieni la cultura calabrese” finalizzato a creare un legame diretto tra i calabresi nel mondo e la valorizzazione del patrimonio culturale, facendo diventare concretamente i nostri emigranti ambasciatori e sostenitori attivi della nostra cultura concretamente.

TESTI UNICI

Redazione dei Testi Unici sulla Cultura, che riguardano i 4 settori (Beni culturali, Cultura, Scuola, Ricerca), accorpando, uniformando, coordinando e innovando la legislazione esistente. I documenti saranno presto sottoposti all’attenzione della Giunta.

PRESENZA SUL TERRITORIO DELL’ASSESSORATO

Maggiore presenza su tutto il territorio regionale. Per un intero mese, luglio agosto 2013, l’Assessore Regionale alla Cultura ha svolto la sua attività istituzionale dal comune di Gerace, uno dei “Borghi più belli d’Italia”. Nel 2013, l’Assessore Regionale alla Cultura ha visitato 61 comuni, anche più volte, per incontri istituzionali, sopraluoghi sui beni culturali, presentazioni di libri, manifestazioni, inaugurazione di musei e di laboratori scolastici.

RAPPORTI CON I MEDIA DELL’ASSESSORATO

Nel 2013 indette 29 conferenze stampa e prodotti oltre 300 comunicati stampa. In occasione della II Conferenza Regionale sulla Comunicazione, tenutasi a Reggio Calabria il 25 ottobre 2013, l’Assessore Regionale alla Cultura ha proposto un patto per la comunicazione tra istituzioni pubbliche e media regionali. 

 

Mario Caligiuri

Assessore alla Cultura

Regione Calabria

 

Informazioni aggiuntive

  • Segnalato da: Uff. Stampa Ass. Curltura Regione Calabria

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Articoli correlati (da tag)