CRONACA

Oct 23, 2017, 22:54
Vota questo articolo
(0 Voti)

Incidente sul lavoro. Morti padre e figlio

01 Aprile 2016

Due persone sono morte sul lavoro questa mattina a San Mango D’Aquino. Si tratta di padre e figlio, rispettivamente Francesco e Nicola De Sando di San Pietro a Maida, il primo di 50 anni ed il secondo di appena 25.

I due stavano lavorando nell’azienda di famiglia, quando, per cause in corso di accertamento, sarebbero caduti nella vasca di raccolta dei liquami. Sembra che entrambi abbiano perso conoscenza a causa delle esalazioni della vasca che stavano pulendo. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, per avviare gli accertamenti del caso, e il medico legale arrivato per far luce sulle cause esatte della morte. L’azienda, che si trova in località Pruno, si occupa dell’allevamento di maiali. La dinamica del grave incidente sarà stabilita dopo una serie di accertamenti, come confermato dal capitano Domenico De Biasio, comandante della Compagnia carabinieri di Soveria Mannelli, intervenuti sul posto. Secondo gli inquirenti non sarebbe da escludere che uno dei due possa essere entrato per primo nella vasca perdendo i sensi e cercando aiuto dall’altro che, tuttavia, avrebbe subito la stessa sorte. Sul luogo della tragedia sono giunti per primi i militari della stazione di Martirano Lombardo, arrivati intorno alle 13,30. Padre e figlio, da quanto ricostruito dai carabinieri, erano impegnati nello svuotamento delle vasche di contenimento in cui erano contenuti i liquami dei suini. Dopo aver perso i sensi per le forti esalazioni, sono deceduti subito all’interno della vasca. I cadaveri sono stati recuperati dal nucleo speleo-alpino-fluviale dei vigili del fuoco di Cosenza. Il medico legale accertato l’accidentalità dell’evento. In pratica il primo a entrare nel serbatoio è stato il padre che scendendo è caduto accidentalmente perdendo i sensi. È allora che il figlio ha deciso di entrare per soccorrere il genitore perdendo a sua volta conoscenza. Le salme, dopo l’esame del medico legale, sono state restituite alle rispettive famiglie per la sepoltura.

Informazioni aggiuntive

  • fonte: cn24tv.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.