POLITICA

Jun 20, 2018, 4:05
Scalzo: “necessario creare una città che abbracci l’interno hinterland lamentino”
Vota questo articolo
(0 Voti)

Scalzo: “necessario creare una città che abbracci l’interno hinterland lamentino”

09 Dicembre 2017

“Il tema della fusione dei Comuni è troppo delicato e importante per essere oggetto di divisione o di battaglia puramente politica. In ballo c’è l’interesse dei cittadini ad avere una pubblica amministrazione efficiente e, soprattutto, a ricevere l’erogazione di servizi essenziali adeguati.

Per questo ritengo sia necessario inquadrare la questione della possibile creazione di una grande città al centro della Calabria, che abbracci l’intero hinterland lametino, in un’ottica complessiva, di interesse generale e che vada al di là di ogni steccato partitico o ideologico”. È quanto dichiara il consigliere regionale del Partito Democratico, Antonio Scalzo, che prosegue: “È certo che, oggi, la tendenza più diffusa in Italia sia quella di accorpare entità amministrative troppo piccole: comuni che da soli non riescono più a garantire i servizi essenziali. La gestione delle amministrazioni comunali è ormai strutturalmente in perdita: il taglio delle rimesse finanziarie dello Stato e l’insufficienza dei tributi locali, che pure gravano pesantemente sulle tasche dei cittadini e sui bilanci delle famiglie, non consentono più alcuna programmazione di investimenti e, anzi, non bastano neppure per far fronte alla spesa corrente. Servizi di base, come quelli per l’igiene urbana, la polizia locale, la pubblica illuminazione, la manutenzione ordinaria delle strade e delle infrastrutture, a stento vengono garantiti. Di fronte a tutto questo – aggiunge Scalzo – la fusione rappresenta una delle strade che vanno prese in considerazione concretamente. Un’ipotesi che, però, oltre ai Comuni già indicati nel dibattito pubblico che si è aperto in questi giorni, deve tenere conto di comunità come Pianopoli, Motta Santa Lucia, Martirano e San Mango d’Aquino che sono parte integrante di un’area omogenea che ruota attorno al polo urbano di Lamezia. Ovviamente, dinanzi a una simile ipotesi di fusione, non solo è indispensabile ascoltare la voce dei cittadini interessati, mediante i referendum popolari finalizzati alla consultazione su questa scelta, ma è anche di fondamentale importanza la tutela dell’identità culturale e sociale dei singoli paesi, che non possono certo essere espropriati della propria storia e delle proprie tradizioni”.

Informazioni aggiuntive

  • fonte: web

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Articoli correlati (da tag)