Nov 21, 2017, 20:08

Voce alla Penna (63)

NU CORE IN PENA

Mercoledì, 02 Settembre 1992 00:00

LUI 

AMURE AMURE CCHI MA FATTU SENZA DE TIE NUNPUAZZU STARE  
STASIRA NUCCEVIAGNU CA FA SCURU UNCE' LA LUNA E PUAZZU ATTROPPICARE; 

LEI 

CHI TILU DISSA MU VAI CAMINANNU STRUDIRE LE SCARPE E PERDERE LU SUANNU; 

LUI 

MIAGLIU LA NOTTE PERDIRE LU SUANNU E NO LU IUARNU SENZA CORE STARE; 

LEI 

VENICCE AMURI MIO VIANI SICURU LA STRADA TI LA PULIZZU CCU LE MANU; 

LUI 

PUE TI LA VUATU ALLARIA PINNE PINNE PIGLIATE TU LI PANNI E IAMUNINNE 

PUE TI LA VUATU A NU BICCHIERE DUAGLIU CCIU TIAMPU PASSA CCIU BENE TE VUGLIU 

PUE TI LA VUATU A PAMPINE D'AMENTA CHISSA LA CANTU ATTIA TIENILA AMMENTE

CHI VA CARMU VIDA LU PEDE DDUVE CAMINA

Lunedì, 19 Ottobre 1992 00:00

SI SI TIAPITA 

TU NUN PILI 

SI SI CAVUDA 

NU MARRUSTI 

TU ME CIANCI 

E U SUGNU MUARTU 

SI MALLUDI 

NUMME CUMPRI 

SI ME CHIAMI NU 

RISPUNU 

SI ME GUARDI 

NUNTEVIIU 

SI MARRUSTI 

NU MEMANCI 

SI SI VINU 

IO SUGNU ACQUA 

SISI SURICE IO U 

SUGNU GATTU 

SI SI SIMENTA IO 

NU SUGNU VURVINU 

TU SI TERRA 

DUVE CAMINI 

TU SI FUOCU 

IO NU SUGNU LIGNU.

L’ALBERO

Martedì, 01 Gennaio 1991 00:00

L'ALBERO E CUMMU, NA BELLA DONNA
ARU' PUTIRE DELI SUE VINTANNI
RICCU DE PAMPINE E RAMI FORTE E SALUTE
CUMMU NU TRUANU QUANNU LU VIARNU ARRIVA
FRIDDUSU CADANU E PAMPINE E LE RESTANU I RAMI
CUSSI ERA LA FIMMINA
A 70 ANNI LE SICCA LA PELLE
E LE RESTANULE ZANNE.

A UN GRANDE AMICO E COMPARE

Martedì, 26 Febbraio 1991 00:00

ARU PAISE MIO CAE' SANTU MANGU TIAGNU NAMICU DE CERVIALLU FINU, ORGOGLIU DE LU PAISE E' D'ELUVICINATU NU VANTO LU SENTIMIANTU LA MISU SUTTA SPORZZU PE STUDIARE STINVENZIONE CHI, CUMBATTA LU FRIDDU E FA STARE A GENTE SENZA MAGLIONE, A INVENTATU LA CALDAIA, CHEE' MIGLIU DO FUOCULARU CCU POCA LIGNA CHI CUNZUMA, TUTTA LA CASA TE QUADIIA,CULLI TERMOSIFONI. 

HO GRANDE UOMO MIO RIVERITO AMICO E CUMPARI, CUANTU GENTE STA SUTTA L'ALE VOSTRE, TANTI DE LI GUAGLIUNI CA NENTE SAPIANU CON LA VOSTRA BRAVURA, ERA PACIANZA NAVITI FATTU DELI MASTRI FINI, CCURU VUASTRU SAPIRE FARE AVITI CRIATU LI CAPANNONI CUAMU MIANZU PAISE QUANTU VALIGE SESUNU, AMMUFITE GRAZIE A CUMPARI RUSARU CEPPURU LAVURU TUTTU L'ANNU A STU PAISE GENTE CUMU' E MIE CHE STATA A BOLZANU SE MUZICA LE MANU, SUNU FURTUNATI AVIRE L'ORU NTRALEMANI.

Poema per Antonio Viola

Domenica, 01 Agosto 2004 00:00

Vorrei una penna quanto la sfera dell'universo 
un mare d'inchiostro e un foglio più grande del cielo, 
vorrei poi diventare una persona diversa 
per poter descrivere la vita di Antonio Viola ; 

Antonio Viola una fonte di grande bontà 
con tanta allegria amore e tanta onestà, 
il più conosciuto dei lontani e dei San Manghesi 
perché ovunque a seminato profumo di rose; 

Per il San Manghese Antonio Viola 
non si può descrivere con una sola parola, 
ma ci vorrebbero giornali e poi giornale 
per potere esprimere quanto ancor pur vale; 

Anche se adesso ormai vecchio e penzionato 
ma del Paese ancora tanto amato e rispettato, 
ancor conosciuto dei lontani e dei vicini 
da uomini donne vecchi e bambini; 

Antonio viola per i San Manghesi Totonnu 
grande amico di tutti , a tutti a dato rispetto 
io forte lo dico e lo lascio pur scritto, 
in'alta voce lo grido ai quattro venti 
che il Mondo lo sappia da levante a ponente; 

Per il San Manghese Antonio Viola 
ci vorrebbero ben'altre parole, 
ancor più in'alto farsi sentire 
dove l'amore ancor può gioire; 

Lo dico forte e lo confermo 
Totonno a conosciuto davvero l'inferno, 
sacrifici e guai ne a passato tanti 
ma guidato da Dio e lo Spirito Santo.

Un San Manghese Saverio Colosimo

Domenica, 01 Agosto 2004 00:00

Il più vecchio quà, dei San Manghesi
e ancora tra noi in questo Paese,
ancora arzillo gentile e cortese
da Anni anche lui diventò Canadese;

Saverio Colosimo questo e chiamato
circa quarant'Anni in Canada emigrato,
il mille novecento otto lin'Agosto e nato
da tutti i San Manghesi rispettato e amato;

Dopo una vita al paese passata
per amore dei figli in Canada emigrato,
per la famiglia si e sempre sacrificato
notte e giorno a sempre lavorato;

Ma ormai di età avanzata
penzionato ma stanco e malato,
a già compiuto novanta sei Anni
con sacrifici sofferenze e mal'anni;

Questo il suo novanta sei esimo compleanno
tanti aguri a te Saverio ma senza più affanni,
tanti aguri a te di tutti i San Manghesi 
amici e parenti che vivono in questo Paese. 

Buon compleanno a te Saverio Colosimo.
Agosto (1908) (2004)

U Cantinieri

Venerdì, 01 Ottobre 2004 00:00

Lissandru u cantinieri
uaminu modellu de oje e de ieri,
gentile e sinceru e de gran core
a tutti dunava affettu e amure;

Era rispettatu de tuttu u Paise
de Nicastru Marturanu e de nucerisi,
de Santumangu era ru miagliu
a ru core sue nun cera mai neglie;

a matina facia gnezzione a ri malati du Paise
a ra vucca sua cera sempre u sorrisu,
e pue a ra cantina fina a menza notte
a chine cia vinnia cruda a chine cotta;

U vinu buanu a re damingiane
u portava di vignali e de fabianu,
vinu locale pe tutti l'Anni
chine su vivia campava cent'Anni;

Lissandru nu veru cantinieri
io lu ricuardu ancore cunu ieri,
e non m'importa si mo mbecchiatu
ma ancore e Lissandru e na vota;

Evviva Lissandru e ra sua cantina
evviva lissandru evviva ru vinu

A Cantina du vinu

Venerdì, 01 Ottobre 2004 00:00

Lissandru na vota avia na cantina
chi vinnia gazose aranciate e vinu
na cantina a cchiu frequentata
vicinu a Chiesa era situata;

U vinu buanu u nce mancava mai
te facia scordare stanchizza e guai,
Lissandru era bravu de tutti amatu
a Santumangu puru idhu era natu;

U vinu u tenia d'averu buanu
vinnia sempre u vinu paisanu,
di vignaliadhi e de fabianu
chi ce venianu puru gente e luntanu;

Lissandru cu tutti ce sapia fare
uaminu bravu onestu e sinceru,
u canuscianu a Nicastru puru a Nucere
pe ra sua bontà u sue bon core;

Tutti dicianu si vinu buanu vue vivire
a ra cantina e Lissandru tu ai de jire,
cantine a ru Paise cinn'eranu tante
ma chira e Lissandru a cchiu mportante.

A cchiu mportante era pe d'averu
pecchi u cantinieri era onestu e sinceru.

Pagina 1 di 5