Home

Nov 22, 2017, 11:57

Voce alla Penna (63)

Poesia per Bruno

Poesia per Bruno

Venerdì, 01 Marzo 2013 00:00

Il poeta sommo Dante scrisse un libro ch’è divino;
or vi leggo in quest‘istante
pochi  versi qui in  giardino.
Quando sono un poco strano,
salgo in sella in bicicletta
col manubrio sempre in mano,
e da Bruno arrivo in fretta.
Sorridendo lui m’aspetta,
e da bravo infermiere
in un lampo mi rassetta,
mi fa presto rinvenire.
Mi prescrive una ricetta,
con un nettare di-vino,
‘na puntura tosto inietta,
s’è finito,  va’ nel tino.
Dell’intero empolese,
proprio Bruno è il più cortese;
in un modo sì palese,
ve lo dice un calabrese.
Questa sera gli proietto,
concentrandomi, con stima,
tutto quanto il mio affetto,
lo delizio con la rima.
Cerco i versi,  ed i più belli,
se la mente non s’offusca,
li rastrello p’el Nannelli,
il compagno di Marusca!
Son passati 50 anni,
proprio come un siluro;
il futuro senza affanni
sia più roseo e meno oscuro!

Epifania al Chiarugi

La Befana

Giovedì, 10 Gennaio 2013 00:00

Son venuta da lontano
con il lume sempre in mano,
il vestito a trullallà,
la Befana eccola qua!
Finalmente al Chiarugi so’
arrivata senza indugi!
Con la scopa per cavallo,
son con voi, per fare un ballo.
Ma con tante primavere,
sono stanca, or voglio bere.
Con il nettare di-vino,
mi ripiglio un tantino,
e col suon dell’organetto
vi rallegro e mi diletto.
La Befana lascia i doni,
ai monelli ed ai più buoni;
al governo ch’è sprecone,
lascia cenere e carbone.
Saltellando come un pazzo,
la Befana balla a razzo;
allietando con sollazzo,
esce poi dal palazzo.
Attraverso il caminetto,
poi risale sopra il tetto.
Con un balzo, per magia,
con la scopa, vola via…..

QUANNU TUARNU

Venerdì, 01 Gennaio 2010 00:00

Quannu tuarnu
'a ru paise mio
me siantu 'ncuaddu
n'allegrizza ranne.
'U core para
chi me vatta
cuamu 'nu tammurru.
Ma quannu sagliu i scaluni,
e trasu intra,
'un siantu cchjù
'u strùsciu
chi papà facìa
a ru tavulatu
ccu quattru vecchje tavule.
A ru fuacularu
tizzuni e zucchi
'u' nne vidu cchjù.
A 'nnu muru attaccatu
guardu nu quatru ccu 'a figura
d''a povera mamma mia
chi sercìa 'a lana
davanti 'u putighinu:
allura 'nu nudicu a ra gula
m'attinaglia e
l'allegrizza mia diventa amara.

A ‘sta vita tuttu passa

Venerdì, 29 Febbraio 2008 00:00

A ‘sta vita tuttu passa
ddè si’ moni ‘un ti cce  lassa!
Me ricuardu chi guagliune,
ccu’ ‘nu fhiarru ppe’ cumannu
e ‘nu ‘nchjiastru de circhjiune
o ‘na rota ‘e brigichetta,
senza avire mai ‘n’affannu
jia scappannu sempre ‘e fretta.
A ru campu de pallune
in difhesa o ar’attaccu
io parìa ‘nu leune,
me movìa sempre de scattu.
Vitriualu e girune,
stennicchjiatu a ‘nna carrozza,
cuamu ‘u vualu ‘e n’airune,
‘i scinnìa sempre de corza.
Mo’ vicinu a sessantanni
già me siantu ‘nu strippune,
tuttu chjinu de malanni,
sugnu propriu ‘nu scasciune.
Ma si pianzu a chira banna,
ppe’ ra mente mi se spanna
‘nu scumpuartu chi me scanna
ppe’ ‘ssa vita ch’è tiranna!

Buon Natale

Lunedì, 24 Dicembre 2007 00:00

A pariantitutti quanti,
a ri migrati chisu’ tanti, 
ad’amici e paisani,
chi de ccà sunu luntani,
ppe’ re fheste ‘e fhine annu,
chist’ aguriu io ve mannu:
L’annu nuavu chi mo’ vena spiaru tantu ‘un porta pena;
‘e saccotte mu’ su’ chjine de dinari, no’ ruine;
‘u Segnure mu ve duna ‘a salute e cchjiù fhurtuna,
e pue priastu ppemmu manna ‘nu guvernu ch’un s’appanna.

San Mango e la famiglia d'Aquino

Sabato, 01 Dicembre 2007 00:00

La Famiglia d’Aquino, è di origine longobarda, nasce nell’847 e nello stesso anno il suo principale esponente diventa Signore d’Aquino (Paese che esiste ancora oggi in provincia di Frosinone). Il capostipite si chiamava Radoaldo, da lui la famiglia si allargò comportando anche un ampliamento territoriale. Ad un certo punto la famiglia si divise in due rami ed è proprio da uno di questi che nacque San Tommaso, figlio di Landolfo Conte e Signore di Roccasecca e di Teodora dei Conti di Teano.

Mentre il tempo passa in fretta

Mercoledì, 18 Luglio 2007 00:00

 

Mentre il tempo passa in fretta
e la morte è lì che aspetta,
la lancetta maledetta
mi trombetta e mi freccetta,
mi lambisce e mi ferisce
e veloce poi sparisce.
Dopo torna a mezzogiorno,
mi rigira sempre attorno,
m’accarezza senza struscio
e spedita lascia l’uscio,
senza sfascio o catafascio.
Ma la notte poi m’accascio:
silenziosa mi sorride
e veloce poi m’uccide.

Pagina 1 di 5

Meteo

Bacheca Avvisi

Ultimi articoli dalle Rubriche

Voce alla Penna A 'Ntoni Ungaru

A 'Ntoni Ungaru

Venerdì, 15 Agosto 2014 00:00
T'hajiu dittu puru prima ch''u brinnisi è ccu' ra rima, e t''u tuarnu a dire moni, te salutu Ungaru 'Ntoni. 'U ru fhazzu no' ppe' vantu, ccu' ru vinu io…
Opinioni

Complimenti

Venerdì, 15 Agosto 2014 00:00
Mi  congratulo;  anche  se  con  molto  ritardo,   per  la  rinnovata  e  bella  impaginazione  del  sito.  Bravi!!