mar. Dic 11th, 2018

Ippoturismo nei 7 comuni racchiusi tra Conflenti e Gizzeria, la proposta di Francesco Marsico

L’assessore area economica-finanziaria del comune di San Mango d’Aquino circoscrive l’idea  all’interno dell’ Unione dei Comuni Monti Ma. Re

Francesco Marsico, assessore area economica-finanziaria del comune di San Mango d’Aquino, lancia la proposta dell’ippoturismo come opportunità di sviluppo all’interno dell’ Unione dei Comuni “Monti Ma. Re” che racchiude 7 comuni da Conflenti a Gizzeria.
Secondo l’assessore il territorio «dispone di diversi Km di coste e colline meravigliose; per non parlare delle foreste che ammantano i monti Mancuso e Reventino in cui abbonda una vasta e variegata tipologia di alberi rari come l’abete bianco e il pino loricato. Proprio a fronte di tutto ciò il mio appello va ai sindaci dei 7 comuni affinché, insieme alle forze produttive, si tracci un progetto che metta insieme la bellezze del mare, il verde delle colline e le rigogliose foreste per dare vita ad un progetto turistico innovativo e qualificato che dia giusto risalto a questo meraviglioso patrimonio. In questa direzione propongo la creazione di una mappa di sentieri naturalistici che includa tutto il comprensorio per ipotizzare una nuova forma di turismo: l’Ippoturismo».
Marsico spiega che «l’Ippoturismo o turismo equestre punta ad offrire al turista la possibilità di staccare dallo stress quotidiano per immergersi nella natura attraverso la riscoperta di luoghi incantevoli usufruendo di lunghe passeggiate a cavallo per ritrovarsi con se stessi in pieno relax. Il periodo migliore dell’anno per l’Ippoturismo sono le mezze stagioni: osservare il risveglio della natura, ascoltare i rumori e sentire gli odori della primavera o dell’autunno è un’opportunità da non farsi scappare. Inoltre andare a cavallo è una scelta perfetta per piccoli e grandi che instaurano un rapporto empatico con i cavalli: animali sensibili che aiutano a migliorare le condizioni fisiche e psichiche dell’uomo. Quanto detto rientra in un progetto che mira a far conoscere le bellezze delle nostre zone, ma nello stesso tempo alla creazione di un servizio completo che porti un indotto economico non indifferente. Infatti l’idea è quella di elaborare un “pacchetto di servizi” che accompagni i turisti dall’arrivo fino alla partenza, pianificando delle vacanze diverse dal solito e rendendo il soggiorno un’esperienza da non dimenticare. La visione complessiva del progetto punta a realizzare un piano strategico per il turismo territoriale che diventi, nel tempo, fiore all’occhiello del territorio regionale». 

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi