dom. Set 23rd, 2018

Destinazione Savuto

Territorio autentico: storia, arte, cultura, natura, relax, enogastronomia.

SAVUTO, territorio di…VINO

Savuto non è solo il nome del fiume che dall’altopiano silano, attraversando un territorio aspro, spesso inaccessibile e selvaggio, conclude la sua corsa nel Mar Tirreno, in quell’area, dove, diverse fonti narrano dell’insediamento di Temesa, città fondata dagli Ausoni (Strabone) che il mito vuole esser stata colonizzata da Toante, re degli Etoli, successore di Oineo (l’uomo del vino) figlio di Phytios, il piantatore (detto anche Orestheo, l’uomo dei monti ).

Si narra che la cagna di Orestheo, secondo la mitologia, un giorno partorì un bastone. Il padrone seppellì quel “legno” che germogliando diventò la prima vite.

Il territorio del Savuto, originariamente dominato dagli Ausoni e caratterizzato da una economia pastorale, fu colonizzato dagli Achei che introdussero le pratiche agricole e le diffusero su, per tutta la valle. L’evoluzione da insediamenti ausoni a comunità greche comportò una nuova vita per le genti del Savuto: da pastori a piantatori ed agricoltori. L’ulivo ed in particolare la vite trasformarono il paesaggio.

Savuto è territorio autentico, nel paesaggio, nei borghi, nell’accoglienza dei suoi abitanti, nelle produzioni agroalimentari tra le quali spicca il rinomato vino DOC Savuto Classico.

I latini dicevano: “ex vite vita“.

PONTE ROMANO unico in Calabria e oltre

Un’opera dell’ingegno costruttivo che, con molta probabilità, era parte integrante della via Annia-Popilia, realizzata (II sec. a.c.) con tecniche che si ritrovano in altri manufatti simili presenti lungo principali vie di comunicazione dell’impero romano.

Della via che andava “Ab Regio ad Capuam” son stati rinvenuti in passato, oltre al cippo miliare di Polla (SA), solo alcuni tratti di selciato e basolato, resti di pietre miliari, spalle di ponti e qualche opera di sostegno.

Il ponte sul Savuto che si trova in Località Sant’Angelo, a cavallo fra i comuni di Altilia e Scigliano, è l’opera che, nel Sud Italia, meglio si è conservata della grande rete viaria realizzata dai Romani. Ciò grazie anche ad interventi di restauro realizzati negli anni ’60, ma soprattutto per la grande abilità dei costruttori nel scegliere dimensioni e materiali.

Il Ponte di Sant’Angelo (detto volgarmente anche Ponte di Annibale), con altre due strutture di epoca antica ubicate più a monte (il Ponte alle Fratte e il Ponte di Tavolaria), rappresentano una caratteristica unica dell’area del Savuto.

Il Ponte romano è raggiungibile attraverso un sentiero “lastricato” (in epoca recente) che si collega alla via che dallo svincolo autostradale A2 di Altilia-Grimaldi porta al borgo di Scigliano.

Suggestive sono le escursioni in bici organizzate dalla Sporting Savuto ASD di Marzi che, “Savutu appenninu” ripercorrono sentieri sterrati e guadi, attraversano il Ponte di località Sant’Angelo, e terminano la corsa alla foce del fiume Savuto che incontra il Mar Tirreno nel territorio di Nocera Terinese.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi