mar. Ott 16th, 2018

Fare Ambiente Calabria: “Cinghiali da emergenza a risorsa tramite trasformazione in salumi”

Sulla questione dei cinghiali interviene anche il coordinatore regionale di Fare Ambiente Calabria, Antonio Iaconetti, che spiega come questi animali possono diventare da emergenza a risorsa in grado di valorizzare ed arricchire i prodotti del nostro patrimonio agroalimentare apprezzato in Italia e all’estero.

“Da più parti – afferma – si sente parlare di abbattimenti selettivi dei cinghiali, che oramai hanno invaso non solo il nostro territorio, e di altre iniziative fini a sé stesse che mirano all’abbattimento c.d. selettivo dei capi in eccesso che sempre più devastano i campi dei nostri agricoltori e rappresentano, anche un serio pericolo alla incolumità delle persone. Allora, continua Iaconetti, perché non valorizzare questa emergenza facendone una opportunità di crescita per il nostro territorio, catturando i cinghiali considerati in eccesso e, dopo gli opportuni accertamenti sanitari, non farne salumi? Magari a marchio DOP – IGP, affidandone la gestione, la trasformazione e la successiva commercializzazione all’ARSAC, Azienda Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura in Calabria, Ente che nel suo statuto ha, come compito istituzionale, non solo l’elaborazione e la realizzazione di progetti di sviluppo in agricoltura, ma anche quella di provvedere alla trasformazione e commercializzazione dei prodotti agroalimentari. Con tale iniziativa, prosegue Iaconetti nella sua nota, si darebbe una concreta soluzione al problema, contenendo gli ungulati nei limiti sostenibili e, dall’altro, si darebbe slancio all’economia della nostra regione con la creazione di un nuovo salume a marchio Calabria. Tale attività, di trasformazione e commercializzazione, di un prodotto prelibato e ricercato, quale appunto è il salume di cinghiale, oltre a dare nuovo impulso ad un settore strategico per la nostra regione, sarà certamente in grado di apportare un valore aggiunto al già ricco paniere agroalimentare della nostra regione. Non ultimo la nuova attività poterà un contributo salutare al nostro asfittico sistema economico con la creazione di nuovi posti di lavoro. Conclude Iaconetti, il quale a giorni formalizzerà la proposta agli organismi regionali competenti, a ben vedere da una emergenza si può certamente trarne dei vantaggi concreti e duraturi”.

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi