CRONACA

Jul 23, 2024, 4:31
Il Savuto si gonfia e ritorna la paura nei centri collinari
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il Savuto si gonfia e ritorna la paura nei centri collinari

20 Ottobre 2010

Inizio di settimana con un anticipo d'autunno che puntuale è arrivato anche in Calabria. Un'ondata di maltempo s'è riversata nella giornata di ieri lungo la dorsale del fiume Savuto interessando tutte le zone interne e creando non pochi problemi soprattutto nell'entroterra anche alla circolazione stradale. 


Piove ininterrottamente dal pomeriggio di lunedì ed un forte vento sta interessando tutta la fascia che da Nocera Terinese arriva fino a Conflenti portando con sè anche un brusco abbassamento delle temperature. 
Nel centro di San Mango d'Aquino, come del resto gli altri paesi sparsi lungo la dorsale del Savuto, il miscuglio di pioggia e vento ha creato dei problemi al traffico urbano nel primo pomeriggio di lunedì e anche ieri. Strade piene d'acqua e tombini allagati riproponevano quegli scenari già visti durante lo scorso inverno, mentre più in basso lungo la strada di collegamento con la Salerno-Reggio, dai costoni delle colline scendevano detriti in abbondanza misti a fango, tanto da ostacolare in diversi tratti la circolazione agli autoveicoli in transito. 
Tutto tranquillo lungo la Provinciale "93" che collega Nocera Terinese a Conflenti. Almeno per il momento non si registrano danni notevoli se non la caduta di qualche ramo dagli alberi e di detriti sul manto stradale. 
Problemi ben più gravi, tuttavia, vengono segnalati dalla Protezione civile a Nocera Terinese Marina dove, a quanto pare, nella mattinata di martedì sono dovuti intervenire i pompieri con le pompe idrovore per aspirare l'enorme quantità d'acqua che aveva invaso le strade interne all'abitato. 
Di certo c'è che queste intense precipitazioni registrate nelle ultime ore stanno ridestando nella gente di questi paesi un nuovo timore sui rischi legati al dissesto idrogeologico e con esso alla malconcia viabilità interna. I danni dello scorso inverno sono ancora nella memoria di tutti.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.