VOCEallaPENNA

Jan 29, 2023, 7:47
Vota questo articolo
(0 Voti)

A Maruzzu Viardiaddhu

01 Giugno 2007

A settembre, ccu ru friscu, 
ara fhorgia, zu’ Franciscu, 
ccu ‘u piacire ‘e za’ Rachela, 
priparava ‘na miscela: 
‘na simenta simminava
chi pue a giugnu ‘u fruttu dava, 
de duminica matina, 
ccu Ermelinda ddha’ vicina. 
Nesciu ffore ‘nu prattune
chi Maruzzu avia ppe’ nume. 
Ppe’ tri juarni cce fu festa, 
ccu ru patre ‘u primu ‘ntesta, 
‘e vudeddha sempre ammuaddhu, 
ccu frittate e capeccuaddhu. 
‘U criaturu chi criscia
e de scola ‘un ne vulia, 
‘mpara subitu ‘nu mistiari
ch’edi chiddhu ‘e carpentiari; 
‘u crarinu ha pue sonatu, 
ara musica ‘mparatu. 
Ma nu juarnu a nnu mumentu
saglia supra ‘u bastimentu, 
lassa ‘u core aru paise
e ppue parta ‘u sammanghise. 
De Carmela namuratu
doppu picca s’e’ ‘nzuratu, 
ccu tri figlie, puru nannu, 
fadi oje ‘u cumpreannu. 
L’unu e giugnu io te cantu
‘sta canzuna ccu ttie accantu
<< e si mo’ sunu sessanta, 
...‘n’atri ciantu d’acqua santa!!! >> 

 

composta, a Saut Ste. Marie, Canada, a casa di Mario Berardelli in occasione del suo 60 compleanno.
Angelo Orlando

Sammanghese di origine, vive da anni ad Empoli, ma ritorna con piacere al nostro paese ogni volta che ne ha occasione. Autore versatile, passa con abilità dalla prosa alla poesia.

01/07/2004

Leggendo le liriche di Angelo non possiamo fare a meno di richiamare alla memoria Quinto Orazio Flacco, a cui per certi aspetti si avvicina; prima di tutto nell'esaltazione dell'inebriante bevanda dono di Dioniso e nell'attribuzione ad essa di doti terapeutiche: “Nunc vino pellite curas” invita Orazio; “… secuta ogne affannu … Sculatillu ‘nu parmu ‘e vinu/ è medicina ppe ru stentinu” dice Angelo. Ma altri elementi li accomunano: la capacità di raffigurare i personaggi popolari e gli amici con garbato e fine umorismo e di rappresentare scene di vita vissuta, siano esse malinconiche, siano esse divertenti, sempre con vivacità e sottile ironia.Ma Orlando non è solo questo. Fortemente presente è l’amore e la nostalgia per il suo paese, ma soprattutto per il tempo della giovinezza e della vita familiare qui vissute. E’ tanto atteso il momento del ritorno, ma quasi è delusione per ciò che trova, anzi, per ciò che non trova perché non c’è più o perché è cambiato: la sua casa c’è ancora, ma non più i suoi genitori e non più il fuoco scoppiettante nel camino (simbolo di vita) e, dice Angelo ”… l’allegrizza mia diventa amara.”

Prof.ssa Mery Torchia

 

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.