VOCEallaPENNA

Oct 1, 2022, 13:49
Vota questo articolo
(0 Voti)

‘U Piritu

29 Aprile 2007

Puntuale ogne matina,
quannu ‘u juarnu s’abbicina,
de ‘nu grubbu sempr’apiartu
vena ffore ‘nu cunciartu.

E re note chi su’ tante,
si le sona tutte quante,
ccu’ l’accordu d’u violinu,
d’u trummune e bombardinu.

‘U scalasciu, quannu nescia,
me risbiglia ‘e tutta prescia.
<< Cchi brigogna >> io rispunnu
<< ccu’ ‘stu ‘ntinnu tantu fhunnu. >>

Ppe’ risponsu doppu jietta,
propriu cuamu ‘na saetta,
‘n’autru sbissu ara ‘ntrisata,
moni sì, ca s’è stippata!

Accucchjiannuse de latu,
mentre sugnu già annegliatu,
mova ‘a gamma e pue se ‘ncugna,
a ’nna ricchjia me mugugna:

<< Cchi fastidiu e cchi dulure
si ‘u culu ‘un ffà rumure! >>
‘Na carroddha ne silura,
si nne frica e ‘un si nne cura.

<< Quannu ‘a panza arieggia,
cce vò priastu ‘na scurreggia,
ccu ra botta o senza botta,
ca si nnò me siantu morta.

 

Si ribumma ‘u deretanu,
mò t’’u dicu in’talianu,
PER IL BENE DEL MIO CORPO
NON MI PUOI CHIAMARE PORCO!
>>

Angelo Orlando

Sammanghese di origine, vive da anni ad Empoli, ma ritorna con piacere al nostro paese ogni volta che ne ha occasione. Autore versatile, passa con abilità dalla prosa alla poesia.

01/07/2004

Leggendo le liriche di Angelo non possiamo fare a meno di richiamare alla memoria Quinto Orazio Flacco, a cui per certi aspetti si avvicina; prima di tutto nell'esaltazione dell'inebriante bevanda dono di Dioniso e nell'attribuzione ad essa di doti terapeutiche: “Nunc vino pellite curas” invita Orazio; “… secuta ogne affannu … Sculatillu ‘nu parmu ‘e vinu/ è medicina ppe ru stentinu” dice Angelo. Ma altri elementi li accomunano: la capacità di raffigurare i personaggi popolari e gli amici con garbato e fine umorismo e di rappresentare scene di vita vissuta, siano esse malinconiche, siano esse divertenti, sempre con vivacità e sottile ironia.Ma Orlando non è solo questo. Fortemente presente è l’amore e la nostalgia per il suo paese, ma soprattutto per il tempo della giovinezza e della vita familiare qui vissute. E’ tanto atteso il momento del ritorno, ma quasi è delusione per ciò che trova, anzi, per ciò che non trova perché non c’è più o perché è cambiato: la sua casa c’è ancora, ma non più i suoi genitori e non più il fuoco scoppiettante nel camino (simbolo di vita) e, dice Angelo ”… l’allegrizza mia diventa amara.”

Prof.ssa Mery Torchia

 

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.