Home

Jul 23, 2024, 5:08
Vota questo articolo
(0 Voti)

Prisentannume ‘a pagella

01 Gennaio 2004

Prisentannume ‘a pagella
chi de' pejie eradi ‘a meglia
‘n ‘simminariu a Catanzaru
me dicìa ‘nu prelatu:
“Ccu ‘ssi voti ‘ud'hai riparu,
a fin'annu si' fricatu!”

E me cunta ‘nu papiaddu
chi me sciodda ‘u cerviaddu:
“Tu si' curtu ‘e cumprensoriu,
si continui ‘e ‘stu passu,
ccu ‘ssu biaddu ripertoriu
ti nne tuarni subitu a spassu.”

Doppu tante litanie,
io pue pianzu intr'e mie:
“Mo' chi sugnu diffidatu,
ohi cchi brutte sufferenze,
già me siantu disperatu
ccu ‘sse nigure patenze!

Si ‘a scola ‘un fà ppe' mmie,
me ricuagliu ‘e buffetterie.
Sugnu stuffu ‘e ‘stu cummiantu,
a ru diavulu ‘u celibatu,
mò fhiniscia ogne turmiantu,
puedomane sugnu ‘nzuratu.”

Pue m'addugnu, a fine giugnu,
ca parpàle ‘un cce sugnu;
e ppe' ‘ud'avire tantu cummattu
me truavu subitu ‘nu mistiari
‘un cce pianzu due vote e partu,
arrolatu a ri carbiniari!

Angelo Orlando

Sammanghese di origine, vive da anni ad Empoli, ma ritorna con piacere al nostro paese ogni volta che ne ha occasione. Autore versatile, passa con abilità dalla prosa alla poesia.

01/07/2004

Leggendo le liriche di Angelo non possiamo fare a meno di richiamare alla memoria Quinto Orazio Flacco, a cui per certi aspetti si avvicina; prima di tutto nell'esaltazione dell'inebriante bevanda dono di Dioniso e nell'attribuzione ad essa di doti terapeutiche: “Nunc vino pellite curas” invita Orazio; “… secuta ogne affannu … Sculatillu ‘nu parmu ‘e vinu/ è medicina ppe ru stentinu” dice Angelo. Ma altri elementi li accomunano: la capacità di raffigurare i personaggi popolari e gli amici con garbato e fine umorismo e di rappresentare scene di vita vissuta, siano esse malinconiche, siano esse divertenti, sempre con vivacità e sottile ironia.Ma Orlando non è solo questo. Fortemente presente è l’amore e la nostalgia per il suo paese, ma soprattutto per il tempo della giovinezza e della vita familiare qui vissute. E’ tanto atteso il momento del ritorno, ma quasi è delusione per ciò che trova, anzi, per ciò che non trova perché non c’è più o perché è cambiato: la sua casa c’è ancora, ma non più i suoi genitori e non più il fuoco scoppiettante nel camino (simbolo di vita) e, dice Angelo ”… l’allegrizza mia diventa amara.”

Prof.ssa Mery Torchia

 

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Meteo

Bacheca Avvisi

Ultimi articoli dalle Rubriche

Voce alla Penna A 'Ntoni Ungaru

A 'Ntoni Ungaru

Venerdì, 15 Agosto 2014 00:00
T'hajiu dittu puru prima ch''u brinnisi è ccu' ra rima, e t''u tuarnu a dire moni, te salutu Ungaru 'Ntoni. 'U ru fhazzu no' ppe' vantu, ccu' ru vinu io…
Opinioni

Complimenti

Venerdì, 15 Agosto 2014 00:00
Mi  congratulo;  anche  se  con  molto  ritardo,   per  la  rinnovata  e  bella  impaginazione  del  sito.  Bravi!!