Home

Jul 16, 2024, 13:37

Voce alla Penna (63)

Amico mio

Sabato, 01 Gennaio 2005 00:00

Amico mio… 
la sera è arrivata… 
e con essa tutti i miei pensieri…i miei silenzi… 
i miei respiri di questa giornata stanno per morire nel domani…
amico mio… 
com'è bello aprire il mio 
cuore a te… 
non chiedermi perché… 
non ti posso rispondere… 
amico mio… 
ascolti sempre il mare? 
Io si… 
È bello chiudere gli occhi e… 
…ascoltarlo 
e farsi rapire solo dall'anima…
amico mio… 
la sera è arrivata 
e con essa tutti i miei silenzi… 
i miei pensieri… 
la mia giornata vissuta…per morire nella notte 
e rinascere in giorno seguente… 
amico mio… 
il mio pianto è come il mare… 
carica e sfocia…nelle onde.. 
e poi muore sulla sabbia… 
amico mio… 
sono qui… chiamo il mio nome e sento 
che ha una certa consistenza… 
amico mio… 
amico mio… amico mio… 
senti com'è dolce il tuo nome? 
Amico mio… 
seguo il mio silenzio… 
perché voglio gustare quello che sei in silenzio… 
Amico mio… 
buon fine giornata, e buona nascita di domani… 
un bacio…la tua marea…

Giovane morte

Sabato, 01 Gennaio 2005 00:00

Una morte giovane. 
Troppo giovane la tua morte 
ha cancellato la tua vita.

Ma sei rinato alla sua vita. 
Non puoi più ridere. 
Ma nemmeno piangere.

Non più sogni, non più illusioni. 
Non più tristezze, non più nulla!

Ma io penso spesso a te, 
al tuo sorriso, ai tuoi occhi verdi 
Immensi di luce di sapere.

Ma io penso spesso a te. 
Alla tua vita, al tuo passato.

Allora so che la tua morte 
giovane, a nuova vita ti ha 
portato.

I Cuaschi

Venerdì, 01 Ottobre 2004 00:00

Dduv'è mo Santumangu, na vota
cera nu vuascu de cerze e castagne,
ceranu lupi vurpi e milogne
cunigli e cuarvi chi facianu la rota;
Ma pue vinnaru gente de Maiune e Malitu
pe fatigare a re castagne pilate,
cussi se ficiaru le prime case
chi pue chianu chianu diventau nu paise;
Ma tannu era fattu de vinedhe e mpetrate
mura de petre e crita mpastata,
quannu chiovia facia lavinara
chi nun se potia nemmenu passare;
Ma a chiru Paise io ce sugnu natu
a ra ruga di Cuasci ce sugnu crisciutu,
ce sugnu crisciutu e affezzionatu
mo sugnu viacchiu ma nu sugnu scordatu;
A ruga di Cuaschi era a ruga mia de na vota
chi ce iocava a ru squigliu e a ra mmucciateddha,
cerau tante guagliune beddhe
chi de una minn'era puru nnamuratu;
Chira ruga na vota scarcinata cumm'era
cu mazacani empetrate e scaluni,
ma cussi bella pe nue tutti guagliuni
ceranu gente onesta gbravi e sincera;
Santumangu fra Mancusu e Cannavali
mmiansu dui jumi Savutu e Casale,
a nu latu la Sila a dui pasi du mare
notte e iumu sentia e cicale cantare,
A ruga di Cuaschi arrivava a San Giuseppe
dduve cera na funtana e nu ranne chiuppu,
cera puru a Chiesa de San Giuseppe
cu putiga e putighinu da famiglia gigliutti;
Chissu era tuttu da ruga mia
quannu ce iocava chira via via,
pie me fici ranne chianu chianu criscia
ma nun maiu mai scurdatu a ruga mia;
Puru ancore oie su tuttu, o Ciaschi pe mia.

U Putighinu

Venerdì, 01 Ottobre 2004 00:00

Ricuardu na vota u putighinu
chi lu gestia zza Natalina,
vinnia de tuttu a ru putighinu
frospari tabaccu e puru chininu;

Ma tannu sordi u navia nessunu
agente facianu tutti cumu potianu,
scanciavanu tuttu chiru chi avianu
ma lu nicessariu mancu l'avianu;

Tannu se pigliava tuttu a cridenza
ma quanta umiliazione e sofferenza,
cinn'eranu dui putighini a ru Casale
chi vinnianu tabaccu cartine e sale;

L'unu ara chiazza l'autru a San Giuseppe
chi c'era a nu latu nu colossale chiuppu,
a Chiesa e San Giuseppe e na funtana
chi iettava acqua frisca a canale chinu;

Mo chiru chiuppu e statu tagliatu
ca portava l'umbra a chiru abitatu,
a Chisa cu na villa sostituita
e pagate mastru, u furnu e cadutu;

Mo e rimastu dduv'era sulu u vicchiu putighinu
ma no cchiu Natalina, no Elina, ma mo ce Peppinu.

A Cantina du vinu

Venerdì, 01 Ottobre 2004 00:00

Lissandru na vota avia na cantina
chi vinnia gazose aranciate e vinu
na cantina a cchiu frequentata
vicinu a Chiesa era situata;

U vinu buanu u nce mancava mai
te facia scordare stanchizza e guai,
Lissandru era bravu de tutti amatu
a Santumangu puru idhu era natu;

U vinu u tenia d'averu buanu
vinnia sempre u vinu paisanu,
di vignaliadhi e de fabianu
chi ce venianu puru gente e luntanu;

Lissandru cu tutti ce sapia fare
uaminu bravu onestu e sinceru,
u canuscianu a Nicastru puru a Nucere
pe ra sua bontà u sue bon core;

Tutti dicianu si vinu buanu vue vivire
a ra cantina e Lissandru tu ai de jire,
cantine a ru Paise cinn'eranu tante
ma chira e Lissandru a cchiu mportante.

A cchiu mportante era pe d'averu
pecchi u cantinieri era onestu e sinceru.

U Cantinieri

Venerdì, 01 Ottobre 2004 00:00

Lissandru u cantinieri
uaminu modellu de oje e de ieri,
gentile e sinceru e de gran core
a tutti dunava affettu e amure;

Era rispettatu de tuttu u Paise
de Nicastru Marturanu e de nucerisi,
de Santumangu era ru miagliu
a ru core sue nun cera mai neglie;

a matina facia gnezzione a ri malati du Paise
a ra vucca sua cera sempre u sorrisu,
e pue a ra cantina fina a menza notte
a chine cia vinnia cruda a chine cotta;

U vinu buanu a re damingiane
u portava di vignali e de fabianu,
vinu locale pe tutti l'Anni
chine su vivia campava cent'Anni;

Lissandru nu veru cantinieri
io lu ricuardu ancore cunu ieri,
e non m'importa si mo mbecchiatu
ma ancore e Lissandru e na vota;

Evviva Lissandru e ra sua cantina
evviva lissandru evviva ru vinu

Un San Manghese Saverio Colosimo

Domenica, 01 Agosto 2004 00:00

Il più vecchio quà, dei San Manghesi
e ancora tra noi in questo Paese,
ancora arzillo gentile e cortese
da Anni anche lui diventò Canadese;

Saverio Colosimo questo e chiamato
circa quarant'Anni in Canada emigrato,
il mille novecento otto lin'Agosto e nato
da tutti i San Manghesi rispettato e amato;

Dopo una vita al paese passata
per amore dei figli in Canada emigrato,
per la famiglia si e sempre sacrificato
notte e giorno a sempre lavorato;

Ma ormai di età avanzata
penzionato ma stanco e malato,
a già compiuto novanta sei Anni
con sacrifici sofferenze e mal'anni;

Questo il suo novanta sei esimo compleanno
tanti aguri a te Saverio ma senza più affanni,
tanti aguri a te di tutti i San Manghesi 
amici e parenti che vivono in questo Paese. 

Buon compleanno a te Saverio Colosimo.
Agosto (1908) (2004)

Pagina 3 di 5

Meteo

Bacheca Avvisi

Ultimi articoli dalle Rubriche

Voce alla Penna A 'Ntoni Ungaru

A 'Ntoni Ungaru

Venerdì, 15 Agosto 2014 00:00
T'hajiu dittu puru prima ch''u brinnisi è ccu' ra rima, e t''u tuarnu a dire moni, te salutu Ungaru 'Ntoni. 'U ru fhazzu no' ppe' vantu, ccu' ru vinu io…
Opinioni

Complimenti

Venerdì, 15 Agosto 2014 00:00
Mi  congratulo;  anche  se  con  molto  ritardo,   per  la  rinnovata  e  bella  impaginazione  del  sito.  Bravi!!