CRONACA

Oct 23, 2017, 22:54
Atto intimidatorio al Vice Sindaco di San Mango D'Aquino
Vota questo articolo
(0 Voti)

Atto intimidatorio al Vice Sindaco di San Mango D'Aquino

27 Novembre 2014

SAN MANGO D’AQUINO-Due lumini accesi davanti al portone d’ingresso della sua abitazione e sul cofano della sua Fiat Panda un macabro disegno rappresentante due casse da morto con le iniziali dei nomi dei figli circondate da croci.

Questo lo scenario che si è presentato ieri mattina al vice sindaco di San Mango D’Aquino Pasquale Torquato aprendo l’uscio di casa per andare al lavoro. L'episodio è stato denunciato ai carabinieri della stazione di Martirano Lombardo che hanno provveduto ad informare la Procura della Repubblica del fatto. Pare, comunque, che non vi siano dubbi che si tratti di un atto intimidatorio, non di matrice mafiosae del quale  per il momento, non si conoscono i reali motivi. I malviventi (sembrerebbe infatti dai primi accertamenti che all’azione criminale abbia partecipato più di una persona) prima di giungere presso l’abitazione del Torquato, hanno comunque lasciato diverse tracce del loro cammino. Con la bomboletta o le bombolette di colore rosso usate per il disegno sulla macchina, i malviventi hanno infatti in più punti lasciato dei segni incomprensibili.

Nulla per il momento trapela comunque dalle Forze dell’Ordine che indagano a 360 gradi.

leopoldo-chieffallo“Si tratta di un atto vandalico e deprecabile, ha commentato il Primo Cittadino Leopoldo Chieffallo, che è senza dubbio un atto contro le democrazie e la buona politica. Come sindaco – conclude Chieffallo – mi attiverò nelle sedi competenti augurandomi che chi è tenuto ad indagare farà questa volta luce su chi è l'autore o il mandante”. 
Attestati di solidarietà sono giunti da parte della maggioranza e minoranza consiliare e dalla Pro Loco sammanghese , tutti concordi comunque, nel condannare questo atto intollerabile che dimostra il duro lavoro che rimane da fare per l’affermazione dei principi di legalità nel nostro territorio. L’invito è a non abbassare la guardia e non lasciarsi intimidire da simili azioni. 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Articoli correlati (da tag)