SPORT

Jun 27, 2017, 12:24
Calcioscommesse, truccati incontri Lega Pro e Serie D: 50 arresti
Vota questo articolo
(0 Voti)

Calcioscommesse, truccati incontri Lega Pro e Serie D: 50 arresti

19 Maggio 2015

Le squadre coinvolte sono circa una trentina. Scoperta una fitta rete di giocatori, allenatori e dirigenti di società che combinava le partite

Dalla ‘ndrangheta al calcioscommesse. E così un altro ciclone si abbatte sul football italiano, l’ennesimo scandalo di partite truccate che stavolta colpisce la stagione in corso della Lega Pro e della serie D, e che rischia di riscrivere la geografia dei campionati che verranno. Una vasta operazione della Polizia di Stato ha preso avvio all’alba di martedì 19 maggio per eseguire gli ordini emessi dai magistrati della Dda, la Direzione distrettuale antimafia, presso la procura di Catanzaro, che riguardano, tra gli altri, anche presidenti, dirigenti di club e calciatori: ben 50 sono i fermi disposti dagli inquirenti mentre quasi 80 risultano essere le persone indagate nell’ambito dell’inchiesta che trae origine da una cosca calabrese legata alla ‘ndrangheta. 

 

L’accusa per tutti è di associazione per delinquere finalizzata alla frode sportiva. Il provvedimento di fermo è di circa 1200 pagine. Arresti e perquisizioni in 21 province italiane: Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria, Bari, Napoli, Milano, Salerno, Avellino, Benevento, L’Aquila, Ascoli Piceno, Monza, Vicenza, Rimini, Forlì, Ravenna, Cesena, Livorno, Pisa, Genova, Savona. Fra i destinatari dei fermi risultano anche personaggi stranieri. Per alcuni indagati vengono contestate anche le aggravanti mafiose e transnazionali. Fra i fermati anche un membro della cosca Iannazzo, potente clan della ‘ndrangheta lametina. Nell’inchiesta risulta coinvolto un poliziotto. Diverse perquisizioni nelle sedi delle società di calcio.

Le squadre coinvolte sono circa una trentina, in maggioranza di Lega Pro, decine gli incontri combinati nei due campionati. I club fanno parte di tutti e tre i gironi della ex serie C: nord, centro e sud. Alcuni di essi sarebbero addirittura impegnati nei playoff per la promozione in serie B e nei playout per rimanere nella categoria anche il prossimo anno; altri ancora invece avrebbero anche una storia calcistica di un certo prestigio. Coinvolte nel giro di partite truccate sarebbero, tra le altre: Pro Patria, Barletta, Brindisi, L’Aquila, Neapolis Mugnano, Torres, Vigor-Lametia, Santarcangelo, Sorrento, Montalto, Puteolana, Akragas; San Severo. Il lavoro dei magistrati della Procura Antimafia di Catanzaro ha portato alla luce, nel corso di questi mesi, una fitta rete di giocatori, allenatori e dirigenti di società che si è rivelata essere particolarmente attiva - assieme a personaggi appartenenti a due distinte organizzazioni criminali - nel combinare le partite, alterandone i risultati, e nell’investire il denaro nei circuiti illegali delle scommesse, in Italia e in diversi paesi esteri.

L’intervento di martedì 19 maggio è condotto dalla Squadra mobile di Catanzaro e dallo Sco (il Servizio centrale operativo della polizia), che stanno operando in ben 10 regioni: Lombardia, Veneto, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Abruzzo, Campania, Puglia e Calabria. I dettagli di tutta l’attività investigativa, con i nomi dei fermati e dei club accusati, saranno svelati alle ore 11 di martedì nel corso di una conferenza stampa presso la questura di Catanzaro con il procuratore capo di Catanzaro Vincenzo Lombardo, il procuratore aggiunto Giovanni Bombardieri, il questore Racca, il direttore del Servizio Centrale Operativo Renato Cortese, il dirigente della Squadra Mobile di Catanzaro Rodolfo Ruperti e il direttore della I Divisione Andrea Grassi.

Questa nuova inchiesta sul calcioscommesse va dunque ad aggiungersi, tristemente, a quella della Procura di Cremona che soltanto tre anni fa - come si ricorderà - scoperchiò un inquietante giro di scommesse clandestine, protagonisti squadre, tecnici e calciatori di serie A e B.

Informazioni aggiuntive

  • fonte: web

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Articoli correlati (da tag)